Considerazioni sulla dieta e sullo stile di vita dei pazienti con carcinoma prostatico

considerazioni sulla dieta e sullo stile di vita dei pazienti con carcinoma prostatico

Il tumore alla prostata è una patologia caratterizzata dalla proliferazione incontrollata delle cellule prostatiche. Oggi giorno infatti esistono svariate efficaci opzioni di trattamento per questo tipo di tumore. Tuttavia, ciascuna di queste opzioni terapeutiche è caratterizzata da specifici benefici e complicanze. È molto importante che un paziente che riceve una diagnosi di tumore alla considerazioni sulla dieta e sullo stile di vita dei pazienti con carcinoma prostatico si rivolga ad un urologo esperto ed obiettivo che lo affianchi e lo consigli nella maniera più appropriata per la scelta del miglior trattamento possibile. Tale trattamento deve essere commisurato alla gravità della malattia e personalizzato in base ad ogni specifico caso clinico. Una volta diagnosticato, il tumore alla prostata è una malattia more info grado di determinare modifiche sostanziali nella vita di una persona. Ogni paziente si troverà nella condizione di prendere delle decisioni riguardanti i possibili trattamenti, le cui conseguenze possono ripercuotersi drasticamente sia sulla propria vita che su quella dei suoi familiari. Ogni anno in Italia viene diagnosticato un tumore alla prostata in più di 70mila uomini : ciascuno di questi dovrà prendere decisioni molto personali ed individualizzate riguardo le click di trattamento e subire modifiche del proprio stile di vita. La prostata è una ghiandola avente la forma simile ad una castagna. Si trova sotto la vescica e davanti al retto.

Le complicanze, come già detto, sono strettamente connesse alla esperienza del centro presso cui viene eseguito il trattamento. La chirurgia e la radioterapia rappresentano oggigiorno il trattamento standard per il tumore alla prostata. Tuttavia esistono altre opzioni di trattamento meno diffuse ma che hanno dimostrato una certa efficacia. La Crioterapiaanche conosciuta come criochirurgia o crioablazione, è un tipo di trattamento praticato già da diversi anni.

Successivamente vengono introdotti un gas contenente argon o azoto liquido al fine di determinare la morte delle cellule prostatiche tumorali per congelamento. Nel corso degli anni, sono state apportate varie migliorie tecniche per migliorare i risultati di questa procedura e per ridurne gli effetti collaterali, tuttavia, sia i tassi di disfunzione erettile che quelli di incontinenza urinaria rimangono alti ed i risultati oncologici non sono sovrapponibili a quelli della chirurgia e della radioterapia.

Tramite questa procedura, le cellule della prostata muoiono per il riscaldamento. Viene inserita nel retto del paziente una sonda che genera ultrasuoni che vengono indirizzati verso la prostata. Questo tipo di terapia è praticabile nei casi molto precoci di tumore prostatico. Pertanto devono essere eseguite sia una biopsia perineale con almeno 24 prelievi che una risonanza magnetica multiparametrica.

Questo perché bisogna essere assolutamente certi che il tumore prostatico sia monofocale. Il paziente che si sottopone a terapia focale deve seguire una accurata sorveglianza dopo il trattamento.

In attesa di risultati di lungo termine, la terapia focale è attualmente considerata sperimentale. Questo combustibile è il testosterone, il principale ormone maschile. La terapia ormonale viene definita anche con altri termini sinonimi quali ormonoterapia, deprivazione androgenica o soppressione androgenica.

La maggior parte delle cellule tumorali risponde alla soppressione del testosterone. Tuttavia alcune cellule si sviluppano indipendentemente dal testosterone e non rispondono alla ormonoterapia. Tuttavia la terapia ormonale rimane un caposaldo importante nel tumore avanzato e nella progressione della malattia dopo trattamenti ad intento radicale quali chirurgia e radioterapia.

Sono qui di seguito descritte le forme più comuni di terapia ormonale. Read article se questa terapia è efficace nel considerazioni sulla dieta e sullo stile di vita dei pazienti con carcinoma prostatico la progressione del tumore della prostata, è importante sottolineare che la soppressione del testosterone determina effetti secondari significativi in quasi tutti gli uomini.

Questa procedura viene praticata da moltissimi anni ma è drastica ed irreversibile. Pertanto, la maggior parte dei pazienti opta per la terapia considerazioni sulla dieta e sullo stile di vita dei pazienti con carcinoma prostatico.

I farmaci appartenenti a questa categoria comprendono: leuprolide Eligard,Enantoneconsiderazioni sulla dieta e sullo stile di vita dei pazienti con carcinoma prostatico goserelin Zoladexil buserelin Suprefact e la triptorelina Gonapeptyl,Decapeptyl. Vengono somministrati in singola dose una volta al mese, una volta ogni tre mesi o ogni sei mesi a seconda della formulazione. Questa classe di farmaci include la bicalutamide Casodexla flutamide Eulexin e il click here acetato Androcur.

Gli antiandrogeni possono anche essere usati anche in monoterapia e non necessariamente insieme con gli analoghi.

La monoterapia con antiandorgeni pertanto non è indicata nelle fasi avanzate del tumore alla prostata. Click here utilizzato come terapia di seconda linea nel tumore prostatico metastatico resistente alla castrazione, ossia quando le cellule prostatiche tumorali non rispondono più alla soppressione del testosterone ottenuta con il blocco androgenico.

Viene utilizzato se vi è una progressione di malattia dopo terapia con abiraterone. I farmaci hanno svariati meccanismi di azione ma sono tutti basati sullo stesso semplice principio: impedire la divisione cellulare e lo sviluppo e la diffusione del tumore.

Adenoma prostatico en ingles

Il docetaxel è un farmaco chemioterapico appartenente alla famiglia dei taxani, che inibisce la proliferazione delle cellule tumorali. Di recente è stato sviluppato un nuovo taxano, il cabazitaxel, che viene oggi impiegato come terapia di seconda linea dopo il docetaxel. Altri farmaci di recente introduzione sono il sileupecel e il denosumab. Il Denosumab è un anticorpo monoclonale che viene source per la prevenzione della perdita della massa ossea nei pazienti affetti da metastasi ossee.

This page is having a slideshow that uses Javascript. Your browser either doesn't support Javascript or you have it turned off. To see this page as it is meant to appear please use a Javascript enabled browser. Fattori di rischio torna su Il tumore alla prostata è il tipo di tumore più frequente nel sesso maschile: in Italia un uomo su otto ne è affetto. Considerazioni sulla dieta e sullo stile di vita dei pazienti con carcinoma prostatico sono una comune mortale che ha fatto una scelta: leggere e credere a un gruppo di medici che a livello internazionale ha fatto studi e deciso di rendere pubbliche queste prove.

Chi lo nega o non conosce la biologia cellulare, o la conosce ma agisce in malafede.

Medicinali per correggere la disfunzione erettile

Tutto qui. Gli studi che si fanno in USA sul bicarbonato non hanno nulla a che vedere con le sciocchezze che Simoncini offre!!

Marco L: sfondi una portaaperta. Gli oncologi sanno poco di nutrizione! Tu ne hai citata una, ma ci sono anche quelli che studiano x esempio gli effetti del fasting digiuno o chi studia la dieta iperproteica. Ed in ogni settore salta fuori qualcosa di interessante x cui diventa difficile avere idde chiare da dare considerazioni sulla dieta e sullo stile di vita dei pazienti con carcinoma prostatico pazienti se le idee chiare non le abbiamo noi.

Conta o no il posto dove crescono? Es: Se ho un bellissimo orticello nella terra dei fuohi siamo sicuri che le mie verdurine mi facciano tanto bene??!!! X cui ben vengano interventi di questo tipo che stimolano la discussione e che ci portano a riflettere, se possibile, su quello che si fa! Chiedo a chi partecipa a questo blog. Come fate ad interloquire con personaggi che affermano: Es: Se ho un bellissimo orticello nella terra dei fuohi siamo sicuri che le mie verdurine mi facciano tanto bene??!!!

Per Robymastro. Se qualcuno dei suddetti non avesse ancora capito: il bicarbonato alza il PH extracellulare. Gioia concordo perfettamente…oltretutto le verdure prodotte in quei luoghi sono intrise di metalli pesanti e addirittura sostanze radio-attive.

Come tutti ho le anemia perniciosa disfunzione erettile idee, le mie esperienze ed i miei limiti. Di una cosa sono sicuro: io riesco ad esprimere le mie idee, giuste o sbagliate, senza per forza dover offendere qualcuno per dare alle mie idee maggior valore.

Mi sembra che il Dr.

Tasso di successo del cancro alla prostata

Alfredo abbia risposto con molta sincerità, umiltà, attenzione e senza parlare di impact factor, invocato di solito da chi non sa e non ha validi argomenti di critica. Signor Manieri, dove ho mai detto il contrario. Aiuti dietetici… aiuti psicologici… carattere… farmaci… inquinamento… troppe variabili… Sarà difficile risolvere il problema per tentativi.

Occorrerà una conoscenza approfondita della fisiologia e della genetica, ma soprattutto ci vorrà qualche altro genio che possa indirizzare le ricerche. Successivamente, il lavoro scritto dal Prof. Gli uomini di scienza hanno poche ribalte. Gli stadi non si riempiono per loro. Luigi Di Bella è appena tornato da un congresso mondiale a Tübingen, in Germania, dove finalmente ha visto riconosciute alcune delle sue numerose intuizioni scientifiche ce ne sono di risalenti agli anni Quaranta-Cinquanta: ci siamo concessi il lusso di perdere anni in una lotta per la salute che oggi potrebbe aver raggiunto considerazioni sulla dieta e sullo stile di vita dei pazienti con carcinoma prostatico altri e più continue reading traguardi.

Quando scuote la testa, gli si muove una cascata di folti, bei capelli grigi. Rifugge dai salotti e dai giornalisti.

Cure naturali per la salute della prostata

Giuseppe Zois: Cancro. Se lo si prende per tempo, il tumore ha consistenti possibilità di essere vinto. La medicina deve servirsi di tutto lo scibile scientifico, non di certo umanistico, senza identificarsi con la chimica che è un mezzo, ma non un fine a sé.

Abbiamo bisogno della chimica perchè ci rivela molte cose, ma non tutto. Si sa, per esempio, della morfina e degli effetti che ha sul dolore. La morfina è stata cristallizzata nel dal tedesco Setürmer: more info, sei o sette anni fa si sono scoperte in alcune cellule nervose sostanze simili agli effetti della morfina, gli oppiodi.

Giuseppe Zois: Conduciamo un tipo di vita sempre più affannato. Disordiniamo per molteplicità di esigenze o di leggerezza. E ci rimettiamo ciecamente nelle mani della dieta.

Oggi mangiamo troppo e mangiamo male, perchè abbiamo e spendiamo troppi soldi. Fumiamo, con le rovinose conseguenze che conosciamo. Abbiamo una vita sregolatissima, il giorno diventa notte e viceversa. Sappiamo read article la pineale, invece, funziona di notte e raggiunge il massimo delle considerazioni sulla dieta e sullo stile di vita dei pazienti con carcinoma prostatico funzioni verso le due di notte.

Cambiando le abitudini, sovvertiamo questo ritmo. Oggi si sa prima e meglio. Quelli che hanno un tumore non hanno più ciclo circadiano, ma i ritmi diventano stagionali: la pineale, invece, ha ritmo considerazioni sulla dieta e sullo stile di vita dei pazienti con carcinoma prostatico.

Come invertire una tendenza? Mangiamo cibi che sono artefatti in misura eccessiva. Mangiamo troppi grassi.

E, infine, mangiamo in disordine. Siamo quindi in presenza di difetti quantitativi e qualitativi. E tuttavia stavano meglio di noi che mettiamo in tavola carne tutti i giorni, magari anche a mezzogiorno e sera. Ancora: oggi troppi giovani non mangiano frutta e verdura.

Errore molto grave. Proviamo a guardarci attorno e ad interrogarci sulle epidemie di ginecomastie che si verificano tra i maschi.

Si sa, non da oggi, che gli olandesi danno estrogeni ai loro vitelli. Qualche milligrammo fa aumentare le povere bestie di venti chili, quindi è un metodo ultrapagante.

Nella migliore delle ipotesi, in generale, frutta esotica, kiwi, ananas, banane, quasi sempre maturate in presenza di acetilene. Dei nostri frutti poco o niente. La diagnostica ha preso il sopravvento sulla terapia. Si preferisce paradossalmente che il malato sia sottoposto a continue indagini diagnostiche piuttosto che curarlo.

Ghiandola pineale e cancro: è stato il tema dibattuto in un congresso internazionale svoltosi a Tübingen in Germania. A organizzarlo sono stati il prof. Una volta riusciti a determinare la melatonina nel sangue miliardesimi di grammo per centimetro cubico di sangue si sono studiate le variazioni di concentrazione negli ammalati di tumore dei vari organi, dopo interventi chirurgici di asportazione, dopo irradiazione, dopo chemioterapia, nelle diffusioni metastatiche.

Carcinoma della prostata aspettative di vita

Il Prof. La terapia di molti casi di cancro sarebbe possibile, seguendo in parte acquisizioni empiriche, non ancora sufficientemente chiarite. Le relazioni di questo interessantissimo congresso hanno approfondito, con tecniche di estrema finezza e complessità, le correlazioni tra sistema nervoso e ghiandole endocrine e sistema immunitario. I risultati di queste indagini investono ormai tutte le espressioni della vita, senza concluderle mai, perchè una ricerca pone molti problemi nello stesso momento in cui ne risolve uno.

Il problema del cancro è il problema della vita, per cui non si risolverà mai. Occorre soffermarsi spesso su piattaforme pragmatiche per sovvenire alle sofferenze di chi è colpito dal cancro, per accendere un filo di speranza in chi annaspa nelle brume di una source disperata.

considerazioni sulla dieta e sullo stile di vita dei pazienti con carcinoma prostatico

Ma allora era proprio frequente che il prof. Mah chissà a chi ti riferivi…. Caro Cikagiuro, la tua interpretazione è esatta. Ecco il motto, quanto mai calzante:. Evidentemente i deficientes plurale di deficiens si attengono sempre fedelmente a questa aurea regola.

Robymastro, perchè questi toni aspri? Allora rifrasiamo: tu asserisci che si possa considerazioni sulla dieta e sullo stile di vita dei pazienti con carcinoma prostatico il Ph extracellulare e lo misurresti dalle urine? Io sono qui che parlo di dieta e tu mi stuzzichi?! Mi piace parlare dei fatti, quando e se possibile. Il secondo obiettivo terapeutico è quello di aumentare la velocità di escrezione di alcuni acidi organici liposolubili, il cui riassorbimento si realizza per diffusione della forma non ionizzata.

Non facciamoci trascinare nel pollaio dove vogliono rinchiuderci per beccarci tra di noi in una lotta tra poveri. Alfredo, prima di stendere veli pietosi sugli altri cerchi di studiare, o ristudiare, quello che non conosce o ha dimenticato. Passando a Simoncini. Per questo il bicarbonato elimina la candida.

Quindi invito Sig. La vostra creduloneria fa tenerezza. La voglia di postare sul blog mi era già passata. Inutile essere comprensivi con chi truffa sapendo di truffare!

Peccato che ci sia uno studio che ha appurato una percentuale un pochino appena appena…. Quanto, allora? Ma forse era uno studio farlocco relativo a pochi casi sfortunati. Macchè: ha riguardato più di mila pazienti. Ah, ma sarà stato pubblicato su una rivista non peer review e con impact factor basso…. E allora? Ma a pensarci bene… Perchè, con la chemio si ottengono forse risultati molto migliori? Ma per favore….! Hector vai piano a dirlo, non fare lo sbruffoncello e comincia a studiarti il MDB.

Potrebbe tornarti utile. E non ti azzardare a paragonare Simoncini a Di Bella se non vuoi prendere del somaro. Mi sembra di sentire da qui il rumore delle sue unghie che scivolano sugli specchi. Ho tanta paura di no.

Veronesi rispose due volte di no. Ecco compiuta la magia: il primo oncologo di italia ammise che certosu un NUOVO tumore la fenretinide avrebbe potuto esercitare questa tutela. In the University of Würzburg, Considerazioni sulla dieta e sullo stile di vita dei pazienti con carcinoma prostatico, patients having failed traditional cancer therapy and with no other salvage options have been enrolled in trials involving the ketogenic diet.

Preliminary reports indicate that patients who were able to continue prostata urinare spesso notte ketogenic diet therapy for over 3 months showed improvement with a stable physical condition, tumor shrinkage, or slowed growth. Therefore, there is a great need for complimentary approaches that have limited patient toxicity while selectively enhancing therapy considerazioni sulla dieta e sullo stile di vita dei pazienti con carcinoma prostatico in cancer versus normal tissues.

Ketogenic diets could represent a potential dietary manipulation that could be rapidly implemented for the purpose of exploiting inherent oxidative metabolic differences between cancer cells and normal cells to improve standard therapeutic outcomes by selectively enhancing metabolic oxidative stress in cancer cells. Aggiungerei che per le sue bizzarre teorie non va bene il bicarbonato che costa pochi centesimi e che si compera al supermercato.

Serve quello speciale prodotto in Giappone, che lui utilizza per giustificare le migliaia di euro che chiede a persone disperate. In generale, chi propaganda la pseudoscienza difficilmente lo fa gratis. Offensivo paragonarlo con il prof. Luigi Di Bella? Sicuramente, il prof. Tu a cosa sei interessato? Quello che hanno fatto a Simoncini, cari signori, e al suo omologo Vannoni, hanno tentato di farlo anche a Di Bella.

Non ci sono riusciti del tutto perché Di Bella aveva dei requisiti, a livello di competenza, titoli, e moralità, a dir poco sovrumani. Caro Alfredo, ha mai provato a prendere una pastiglia di vitamina B? Diventa gialla e maleodorante. Questo secondo lei vuol dire che la vitamina B non ha sortito alcun effetto nel suo corpo? Quanto al linfoma, lei dice cosa esatta se sostiene che vi siano casi di guarigione con chemio, ma inesatta se estende ilm discorso. Infatti: 1 La percentuale dei linfomi n.

Ci sono i linfomi ma i più pericolosi, i n. Non mi venga a fare calcoli percentuali che non le fanno onore. Non credo proprio di essere io ad arrampicarmi sugli specchi, anche se, quando dice che conosce da vicino il linfoma di H. Guardi, per finire, che quanto a girasole, quinoa e roba del genere, siamo esattamente sulla stessa linea.

Di Bella su tumori del pancreas iacobelli parla di caso emerso in sperimentazione — Di Bella. I miei complimenti! Nel frattempo volevo farvi partecipi del fatto che la raccolta di Telethon ha superato i Una buona notizia per tanti malati, ma anche per la ricerca! Ci sono tantissime considerazioni sulla dieta e sullo stile di vita dei pazienti con carcinoma prostatico che, se dio vuole, non la pensano come voi e considerazioni sulla dieta e sullo stile di vita dei pazienti con carcinoma prostatico benissimo dove mettere Di Bella, Simoncini e vannoni… vi chiederete dove, ma non lo dico altrimenti la Locati mi censura!

John C. Morris, presidente eletto della American Thyroid Association e professore di medicina presso la Mayo Clinic. Morris non era un membro del gruppo di ridenominazione delle diagnosi. Il dr. Barnett S. Chiamarle "lesioni di cancro" quando non lo sono, porta ad un trattamento inutile e dannoso", ha detto.

Lo scienziato sostiene che poi le cose prendono una brutta piega ed il tumore benigno a crescita lenta, si trasforma in genere in assassino. Secondo Craig Stellpflug il business della vendita di trattamenti contro il cancro rappresenta soprattutto un vantaggio finanziario ed un cash di cassa.

I risultati sono stati verificati con una dose giornaliera di mg di estratto di zenzero per kg di peso corporeo. Tutto questo rende lo zenzero un promettente agente chemio preventivo. Potete trovare il suo blog sulla salute, tutti i giorni sul sito www. Ormoni maschili associati ai tumori alla prostata — Nov. Gli scienziati britannici hanno individuato due geni specifici che si fondono alimentando la crescita del cancro. Perché in alcuni casi il tumore alla prostata, il più frequente tra gli uomini, è resistente alle terapie?

Esistono nuove cure al vaglio? Lo stile di vita influisce sullo sviluppo della malattia? Menu Top News. Aggiornato alle - 27 gennaio.

Twitter fabioditodaro. Ecco cosa bisogna mangiare: "Una piccola quantità di pasta — elenca l'urologo — ingredienti come il pomodoro, che contiene licopene endotelio-protettivoda consumare cotto, il basilico, il pesce azzurro. E molte verdure: tutte quelle a foglia verde, dai broccoli ai cavoli sono ideali. Il peperoncino, in cui è presente la capsaicina che ha un effetto dilatatore, va bene ma in piccole quantità, perché in eccesso diventa irritante per la prostata".

E poi "la frutta ricca di vitamina Clo zenzero, il cioccolato che promuove il rilascio di endorfine, gli ormoni della felicità, ed è amico del desiderio". Infine, "fuori la birra, dentro un buon bicchiere di vino rosso, per l'azione antiossidante guidata dal resveratrolo.

Il tumore alla prostata è una patologia caratterizzata dalla proliferazione incontrollata delle cellule prostatiche. Oggi giorno infatti esistono svariate efficaci opzioni di trattamento per questo tipo di tumore. Tuttavia, ciascuna di queste opzioni terapeutiche è caratterizzata da specifici benefici e complicanze.

È molto importante che un paziente che riceve una diagnosi di tumore alla prostata si rivolga ad un urologo esperto ed obiettivo che lo affianchi e lo consigli nella maniera più appropriata per la scelta del miglior trattamento possibile.

Tale trattamento deve essere commisurato alla gravità della malattia e personalizzato in base ad ogni specifico caso clinico. Una volta diagnosticato, il considerazioni sulla dieta e sullo stile di vita dei pazienti con carcinoma prostatico alla prostata è una malattia in grado di determinare modifiche sostanziali nella vita di una persona. Ogni paziente si troverà nella condizione di prendere delle decisioni riguardanti i possibili trattamenti, le cui conseguenze possono ripercuotersi drasticamente sia sulla propria vita che su quella dei read article familiari.

Ogni anno in Italia viene diagnosticato un tumore alla prostata in più di 70mila uomini : ciascuno di questi dovrà prendere decisioni molto personali ed individualizzate riguardo le opzioni di trattamento e subire modifiche del proprio stile di vita.

La prostata è una ghiandola avente la forma simile ad una castagna. Si trova sotto la vescica e davanti al retto. Il retto si trova appena dietro la prostata e la vescica. Lateralmente alla prostata decorrono i nervi che controllano la funzione erettile.

Le possibili complicanze di un trattamento radicale per il cancro alla prostata incidono in maniera molto negativa sulle funzioni sessuali, urinarie ed intestinali. Questa complicanza ha conseguenze molto negative ed invalidanti sulla vita dei pazienti. La causa della disfunzione erettile è la lesione dei nervi erigendi che decorrono molto vicini alla prostata.

Tali nervi possono essere danneggiati sia dalla chirurgia che dalla radioterapia. Come conseguenza, il paziente continuerà ad avere il desiderio sessuale ma sarà impossibilitato a raggiungere una erezione. Il tumore alla prostata è il tipo di tumore più frequente nel sesso maschile: in Italia un uomo su otto ne è affetto. Gli uomini che hanno un parente di primo grado padre, fratello o figlio con una storia di tumore alla considerazioni sulla dieta e sullo stile di vita dei pazienti con carcinoma prostatico hanno una probabilità due volte superiore di sviluppare questa patologiamentre per quelli con due o più parenti questo rischio si quadruplica.

Il rischio è ancora maggiore se i familiari affetti ricevono la diagnosi in giovane età. Anche se la genetica riveste un ruolo fondamentale, anche fattori sociali ed ambientali, come la dieta e lo stile di vita hanno la loro importanza. Al contrario, alcuni studi hanno dimostrato che una vita sessuale intensa abbia invece un ruolo protettivo. Nonostante il progresso scientifico allo stato attuale non sono disponibili dolore e con nausea di prevenzione per il cancro alla prostata.

Lo scopo di un programma di screening è quello di diagnosticare una determinata malattia in uno stadio precoce, prima che i suoi sintomi si manifestino. Il PSA è un considerazioni sulla dieta e sullo stile di vita dei pazienti con carcinoma prostatico prodotto check this out cellule prostatiche che espleta la funzione di scindere dei legami chimici nel liquido seminale.

Questo enzima ha un importante ruolo per la fertilità maschile. Il PSA è prodotto solo dalla prostata ed una sua elevazione nel sangue indica inequivocabilmente la presenza di una patologia prostatica.

Pertanto, basandosi solo sulla valutazione del PSA non è possibile stabilire con precisione quale patologia di fondo ha determinato un aumento di questo marcatore nel sangue. Il livello del PSA inoltre è influenzato anche dalle dimensioni della prostata. Nei due terzi dei casi, eseguendo una biopsia prostaticanon viene diagnosticato un tumore negli individui che presentano livelli di PSA compresi tra 4 e Livello di PSA molto elevati indicano con buone probabilità la presenza di un tumore alla prostata.

Per questo, quando il considerazioni sulla dieta e sullo stile di vita dei pazienti con carcinoma prostatico di PSA è alto, è indispensabile eseguire una biopsia della prostata per confermare od escludere la presenza di un tumore alla prostata.

Il PSA circola nel sangue in due diverse forme: libero o legato alle proteine del sangue. Alcuni studi hanno dimostrato che le cellule prostatiche tumorali producono PSA in forma legata alle proteine: quindi, una quota più bassa di PSA libero rispetto al PSA totale è sospetta per un adenocarcinoma prostatico. La prostata sana ha una consistenza molle, come la zona della mano tra palmo ed il pollice.

Un tumore alla prostata è duro, asimmetrico e, nei casi avanzati, di consistenza simile alla pietra. Gli individui considerati ad alto rischio storia familiare positiva e individui di razza nera dovrebbero iniziare i controlli di screening a partire dai 45 anni. Altri individui a rischio sono i soggetti il cui valore di PSA a 40 anni è superiore ad uno. Tali individui dovrebbero eseguire un dosaggio del PSA ogni due anni dai 40 ai 50 anni ed annualmente dopo i 50 anni.

I contrari, invece, ritengono che, considerato il fatto che la maggior parte dei tumori della prostata si sviluppa molto lentamente e non ha un carattere aggressivo, in un numero cospicui di casi gli effetti secondari del trattamento superino i benefici derivanti dalla diagnosi precoce.

Nella fase iniziale del tumore alla prostata, la maggior parte dei uomini non avverte alcun sintomo. In alcuni casi, tuttavia, possono essere presenti uno o più dei seguenti sintomi:. È bene sottolineare che tutti questi sintomi sono aspecifici e possono dipendere anche da altre malattie.

Pertanto è fondamentale rivolgersi ad un esperto urologo per ricevere una precisa diagnosi. Tramite questo esame, eseguito sotto guida ecografica, si utilizza un sottile ago per prelevare dei piccoli campioni di tessuto prostatico.

La biopsia prostatica pur comportando piccolo disagi, viene effettuata in regime ambulatoriale. In condizioni normali, le cellule prostatiche, similmente alle altre cellule del nostro corpo, si riproducono e muoiono di continuo. Ogni nuova cellula della prostata che viene generata nel normale ciclo di riproduzione cellulare ha la stessa forma e le stesse dimensione delle altre. Le cellule tumorali hanno invece un aspetto differente. Il grado del tumore indica quanto le cellule tumorali sono differenti dalle cellule normali.

Il sistema di classificazione di Gleason include cinque diversi gradi che indicano il grado di differenziazione cellulare, ossia quanto le cellule tumorali differiscano dal loro corrispettivo normale. Il grado 1 indica che le cellule prostatiche tumorali hanno un aspetto molto simile alle cellule normale, mentre il grado 5 sta a significare che le cellule hanno un aspetto completamento differente.

Il medico che esamina i campioni di biopsia prostatica si chiama anatomo-patologo, o semplicemente patologo. È proprio il patologo il medico che attribuisce al campione di biopsia prostatica il grado di Gleason. Per ogni biopsia vengono assegnati due gradi Gleason, uno relativo al grado Gleason del modello cellulare più frequente nel campione e un secondo grado di Gleason al secondo modello più frequente. I linfonodi pelvici sono alcuni degli organi vicini alla prostata che possono essere interessati dalla diffusione metastatica delle cellule prostatiche tumorali.

Questo avviene perché le cellule tumorali diffondono tramite il sistema linfatico, un sistema circolatorio simile a quello sanguigno che trasporta le cellule che combattono le infezioni. Nel corso di un intervento chirurgico di prostatectomiai linfonodi vengono rimossi e successivamente esaminati per determinare la presenza di cellule tumorali.

Per il cancro alla prostata sono disponibili varie opzioni di trattamento, ognuna delle quali è caratterizzata da una diversa aggressività, invasività ed incidenza di effetti collaterali.

Tale decisione si basa prevalentemente su una combinazione di fattori clinici e psicologici. Nella maggior parte dei casi un individuo a cui viene diagnosticato un carcinoma prostatico ha una lunga aspettativa di vita, pertanto la decisione terapeutica rivestirà una fondamentale importanza ed i suoi effetti avranno importanti conseguenze.

Quando un tumore alla prostata viene diagnosticato in uno stadio molto iniziale, gli effetti collaterali di un trattamento radicale superano i benefici. Infatti, i pazienti che scelgono la sorveglianza attiva non si sottopongono subito ad un trattamento radicale quale un intervento chirurgico o la radioterapia, ma scelgono di rimandarlo il più tardi possibile, evitando in questo modo anche le complicanze ed i costi legati ad un trattamento radicale.

La sorveglianza attiva si basa su un attento controllo del paziente volto ad individuare segni di progressione del tumore. Ogni sei mesi si effettuano un dosaggio del PSA ed una visita urologica con esplorazione rettale e viene eseguita annualmente una biopsia prostatica. Il trattamento curativo, chirurgico o radioterapico, viene prontamente eseguito se dai controlli si evince una progressione del tumore.

Il trattamento chirurgico consiste nella prostatectomia radicaleossia la completa rimozione della prostata e delle vescicole seminali. Viene eseguito nella fase precoce della malattia quando il tumore è ancora confinato alla prostata.

Il tipo di prostatectomia più frequentemente eseguito è la prostatectomia radicale retro pubica. Tale catetere rimane solitamente per circa 10 giorni. È possibile eseguire una tecnica nerve sparing sia tramite accesso retro pubico che laparoscopico.

A prescindere dal considerazioni sulla dieta e sullo stile di vita dei pazienti con carcinoma prostatico di tecnica chirurgica, la prostatectomia è gravata dalle seguenti possibili complicanze :. Pertanto risulta fondamentale la scelta di un chirurgo esperto che opera in una struttura adeguata. Ultimamente la tecnica robotica viene propagandata come il miglior tipo di trattamento chirurgico. La prostatectomia robotica è gravata dalla stessa incidenza di complicanze della prostatectomia retro pubico tradizionale.

A prescindere dal tipo di radioterapia esterna, solitamente vengono svolte circa 30 sedute dilazionate nel tempo in modo da diluire la dose delle radiazioni. Questi semi vengono inseriti attraverso il perineo tramite dei piccoli aghi metallici. Dopo un anno il materiale radioattivo si degrada ed i semi che rimangono diventano innocui.

Paragonata alla radioterapia esterna, la brachiterapia è meno frequentemente usata. Questa tecnica ha comunque il vantaggio di essere eseguita in una singola seduta di trattamento.

Pertanto è opportuno scegliere un radioterapista esperto che lavora in una struttura specializzata. Entrambe le opzioni di trattamento sono ampiamente utilizzate in tutto il mondo per la terapia del carcinoma prostatico.

I risultati sono soddisfacenti per entrambe le metodiche soprattutto negli stadi precoci, mentre la chirurgia si è dimostrata superiore alla radioterapia per le forme più avanzate del carcinoma prostatico.

Le complicanze, come già detto, sono strettamente connesse alla esperienza del centro presso cui viene eseguito il trattamento.

considerazioni sulla dieta e sullo stile di vita dei pazienti con carcinoma prostatico

La chirurgia e la radioterapia rappresentano oggigiorno il trattamento standard per il tumore alla prostata. Tuttavia esistono altre opzioni di trattamento meno diffuse ma che hanno dimostrato una certa efficacia.

La Crioterapia please click for source, anche conosciuta come criochirurgia o crioablazione, è un tipo di trattamento praticato già da diversi anni. Successivamente vengono introdotti un gas contenente considerazioni sulla dieta e sullo stile di vita dei pazienti con carcinoma prostatico o azoto liquido al fine di determinare la morte delle cellule prostatiche tumorali per congelamento.

Nel corso degli anni, sono state apportate varie migliorie tecniche per migliorare i risultati di questa procedura e per ridurne gli effetti collaterali, tuttavia, sia i tassi di disfunzione erettile che quelli di incontinenza urinaria rimangono alti ed i risultati oncologici non sono sovrapponibili a quelli della chirurgia e della radioterapia.

Tramite questa procedura, le cellule della prostata muoiono per il riscaldamento. Viene inserita nel retto del paziente una sonda che genera ultrasuoni che vengono indirizzati verso la prostata. Questo tipo di terapia è praticabile nei casi molto precoci di tumore prostatico.

Pertanto devono essere eseguite sia una biopsia perineale con almeno 24 prelievi che una risonanza magnetica multiparametrica. Questo perché bisogna essere assolutamente certi che il tumore prostatico sia monofocale. Il paziente che si sottopone a terapia focale deve seguire una accurata sorveglianza dopo il trattamento.

In attesa di risultati di lungo termine, la terapia focale è attualmente considerata sperimentale. Questo combustibile è il testosterone, il principale ormone maschile.

La terapia ormonale viene definita anche con altri termini sinonimi quali ormonoterapia, deprivazione androgenica o soppressione androgenica. La maggior parte delle cellule tumorali risponde alla soppressione del testosterone.